Esercizi di riequilibrio

Gli esercizi di rieducazione vestibolare hanno come obbiettivo il recupero (o il miglioramento) dell'equilibrio in statica e in dinamica, l'adattamento alla patologia riscontrata dal medico specialista e, laddove necessario, la sostituzione della funzione vestibolare compromessa, con altri sistemi sensoriali (vista e sistema propriocettivo).

Gli esercizi sono infatti specifici e si rivolgono ai sistemi che intervengono nel mantenimento dell'equilibrio: vestibolare (potenziandolo laddove sia ancora possibile), visivo (potenziandolo per sopperire ai deficit vestibolari), propriocettivo (potenziandolo per sopperire ai deficit vestibolari).


Gli esercizi vengono adattati al singolo caso, previa valutazione medico specialistica e, laddove necessario, previa valutazione osteopatica della globalità corporea e posturale.

La visita osteopatica può rendersi utile per valutare le eventuali interferenze di altre strutture corporee sull'equilibrio e per garantire la massima efficacia degli esercizi, eliminando disfunzioni somatiche che potrebbero impedire o diminuire la riuscita del gesto fisico.

L'osteopata andrà a valutare postura e appoggi, strutture connesse con orecchio e sistema vestibolare, capacità di adattamento del soggetto alla patologia o al disturbo riscontrato.

Il trattamento si rivolgerà al riequilibrio del sistema corporeo nella sua globalità e alla riduzione di disfunzioni somatiche che potrebbero interferire con i sistemi di equilibrio e/o con l'efficacia del gesto motorio durante la pratica degli esercizi.


Gli esercizi di riequilibrio proposti vengono svolti in diverse posizioni: seduti, in piedi e in movimento con difficoltà crescente. Possono essere eseguiti comodamente a casa quotidianamente, per almeno 20 minuti.

👉🏻 Non tutti gli esercizi di seguito proposti hanno validità universale, vengono infatti adattati a seconda del singolo caso e variano in base all'età e alla presenza di altre eventuali problematiche.

Per il potenziamento del sistema vestibolare, vengono solitamente proposti:

  • Esercizi di rotazione, flessione ed estensione del capo, in posizione seduta, con rapidità crescente, eseguiti ad occhi aperti ed eventualmente anche ad occhi chiusi
  • Rotazioni rapide del tronco in piedi
  • In posizione sdraiata girarsi rapidamente su un fianco e poi sull'altro
  • Passare velocemente dalla posizione sdraiata (o seduta) alla stazione eretta

Per il potenziamento del sistema visivo, vengono solitamente proposti:

  • Movimenti degli occhi in alto-basso-destra e sinistra
  • Fissare un punto, ruotare il capo mentenendo il focus sul punto
  • Mettere a fuoco un piccolo oggetto in avvicinamento

Per il potenziamento del sistema propriocettivo in statica:

  • In piedi mantenere la posizione statica per 1 minuto ad occhi aperti e per 1 minuto ad occhi chiusi
  • Con un piede avanti e uno dietro mantenere la posizione 1 minuto ad occhi aperti e 1 minuto ad occhi chiusi, poi invertire i piedi
  • Rimanere in equilibrio su un solo piede ad occhi aperti, ad occhi chiusi e poi invertire gamba

Per il potenziamento del sistema propriocettivo in dinamica:

  • Marciare sul posto per 1 minuto ad occhi aperti, ripetere ad occhi chiusi, cercando di restare all'interno di un'area (di grandezza stabilita in base al singolo caso)
  • Camminare su una linea tracciata a terra. 

La costanza nella ripetizione degli esercizi garantisce ottimi risultati. 

La vista medico specialista ed osteopatica consentono di personalizzare il piano terapeutico, incrementando così le possibilità di guarigione/gestione dei sintomi.